Tuesday, February 1, 2011

Coda di manzo brasata

Questa e' stata la ricetta piu' gettonata negli ultimi due mesi. Mio marito ne va davvero matto. L'avro' preprarata almeno 8-9 volte, non scherzo.
Viene dal piu' volte citato libro di Jennifer McLagan. Ho cambiato poche cose. Tipo non utilizzo il brodo di manzo per coprire, ma acqua, il piatto mi sembra gia' abbastanza ricco. Per soffriggere la carne uso solo EVO. Ma e' davvero, davvero fantastico, l'aroma leggero di anice stellato e buccia d'arancia, ricorda alcuni piatti cinesi (ma vaaaaaaaaaaaaaahhhh).
Mi sono trattenuta a pubblicare prima perche' non riesco a fare una foto decente e il piatto diciamo non e' bello a vedersi. Ma mi sono detta e' meglio che pubblichi prima che nasca la bimba, altrimenti ciao. Ieri sera l'ho servita con dei quasi rosti di patate e pastinacca e della scarola riccia saltata, un'altra volta con un pure' di sedano rapa che ci sta pure divinemente.

coda


Per 2-3 persone
1 kg e 200-300 g di coda di manzo
solito mirepoix (sedano, carota, cipolla)
olio evo
concentrato di pomodoro un cucchiaio abbondante
vino rosso
alloro
uno spicchio di aglio intero
un cucchiaino scarso di cumino macinato (o tostare i semi e pestare, io sono in fase risparmio energetico)
due o tre strisce di buccia di arancia non trattata (senza bianco, naturalmente)
un anice stellato
una foglia di alloro
acqua calda
sale e pepe
65 ml circa di succo fresco di arancia


Di solito questa ricetta la faccio in due tempi, in modo da non stressarmi troppo. E' davvero facile, ma lunga.
Faccio rosolare la carne nell'olio, la tolgo e faccio appassire un po' le verdure, rimetto la carne in padella, aggiungo il concentrato senza farlo bruciare, sfumo con il vino rosso, copro per meta' circa di acqua bolltente, aggiungo sale, pepe, buccia di arancia, anice stellato, cumino, aglio, alloro e sbatto in forno gia' riscaldato a 140 gradi, copro e faccio cuocere per circa 3 ore e mezzo, 4. Dipende pure da che pezzi di coda ho.

Tiro fuori dal forno, metto la carne in un recipiente e filtro il liquido a parte, faccio raffreddare velocemente e metto in frigo.

Il giorno dopo, sgrasso il liquido di cottura, lo riduco un po' se mi sembra troppo, aggiungo il succo di arancia e verso sulla carne. Rimetto in forno, coperto per circa un'ora. Girando una volta.
Il liquido deve diventera' abbastanza denso, non farlo asciugare troppo. Se fosse troppo liquido si puo' mettere un attimo sul fuoco.

14 comments:

Vero said...

devo un po' pensarci su...
la coda...mi piacerà??

cmq sia la carne è quanto di più ostico possa esserci per quanto concerne le fotografie!
baci
Vero

izn said...

Che ricetta meravigliosa. La provo al 100% :-) Grazie!

Erica said...

non ho mai assaggiato questo taglio, ma dalla tua foto sembra davvero delizioso ^_^ mi salvo la tua ricettina e magari ci provo :))

giulia pignatelli said...

Bellissima ricetta Francesca! Ora me la leggo per bene. Bacioni ai pargoli!

FrancescaV said...

solo tu riesci a farmi venire voglia di carne, ma come fai? :-) Ricetta che proverò prestissimo, sicuro!

p.s. quando nascerà la bimba? E come si chiamerà? :-)

Franci said...

@Vero: la coda secondo me e' una cosa che si adora o si odia. Io, naturalmente, adoro la carne ricca di collagene. Mi piace la carne di stinco, il cappello del prete e ancora di piu' spolparmi i nervetti del ginocchio.

Il liquido di cottura, se lo si lascia addensare troppo, doventa molto gelatinoso. Insomma, per me e' un piatto da leccarsi le dita.

@Izn, Erica, Giulia: secondo me e' proprio una ricetta valida.

@Francesca, davvero?
Sara' che io adoro la carne...e da quando mi sono trasferita dall'UK alla Costa Azzurra, increbidile, il mio consumo di pesce e' drasticamente diminuito. Sara' che a Londra vivevo di fronte al mercato ittico piu' grande d'Europa?
Sono a 38 settimane, quindi in ogni caso prima della fine di febbraio dovrebbe nascere.
Il nome italiano sara' Daria, quello cinese non e' ancora deciso.

Valeria said...

Uhmm io mi lecco le dita solo a vedere la foto!pensa te! :D
Brasato e purè (o patate arrosto) è un binomio perfetto!
Non ho mai provato questo taglio di carne ma mi hai incuriosita, quindi penso proprio che la proverò!

Anonymous said...

Mi sembra una ricetta davvero succulenta. Sono anni che non mangio la coda che a casa mia era sempre e comunque servita lessata , ma mi piace un sacco. Mi sa che cosi' mi piacerà di piu'.
Sei di 38 settimane .. esattamente come me 3 anni fa quando aspettavo la mia bimba .. meno male che non siamo in un anno bisestile e non corri il rischio che nasca il 29 come ha fatto lalei ! In bocca al lupo !

Maria Elena

lucia said...

Complimenti! Ti seguo con grande piacere. Ti ho ritrovato grazie a FrancsecaV che ti ha citato in una ricetta.Ero molto ammirata già quando scrivevi nel forum della cucina italiana.
Questa ricetta è davvero succulenta. Ciao!

FrancescaV said...

sì veramente, io adoro il pesce ma da quando mi sono trasferita a Strasburgo, il pesce è diventato una chimera :-( Quindi arriverà tra poco la tua piccola, avrà anche un nome cinese? Che bello Fatti sentire sul blog fino a quando puoi e tienici informati :-)

violadimaggio said...

Anche io non ho l'abitudine a questo taglio, ma dalla foto e dalla ricetta sembra molto succulenta.
Complimenti e auguri per la bimba, Franci, ti mando un abbraccio.
Cerca di farti sentire, se puoi!
A presto, Andreina

Anonymous said...

Ciao Francesca, leggo solo ora che "stiamo aspettando" Daria! Che felicità, chissà magari è anche già arrivata visto che mi pare di capire che sei verso il termine.
Volevo solo dirti che adoro Jennifer McLagan e ho entrambi i suoi libri: FAT e BONE.
Se non le hai ancora provate, prova le sue capesante al burro, sono deliziose!
Un bacio grande e fisso ....
MarinaB

littledesserts said...

Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...

Franci said...

Eh, ciao Marina. Grazie per il consiglio, provero' le cappesante. Noi le adoriamo, anche se di solito le faccio in padella perche' Victor adora la crosticina.