Tuesday, April 16, 2013

Vacanza asiatiche del 2013. I parte: Hong Kong

Siamo appena tornati da una vacanza nel Sud Est asiatico. In 2 settimane abbiamo coperto Hong Kong, diverse localita' in Vietnam e Singapore.
Sono gia' stata ad Hong Kong nel 2006. Questa volta siamo rimasti solo pochi giorni, il tempo di ambientarci prima di imbarcarci sulla nave da crociera che ci ha condotti a Singapore. I primi giorni sono sempre i piu' duri, soprattutto quando si viaggia con due bambini al seguito: viaggio lungo e fuso orario sballato non aiutano. Infatti avrei voluto documentare meglio quello che abbiamo visto o mangiato nei primi giorni, ma non ce l'ho fatta. Mi sono rifatta in seguito, soprattutto a Singapore.

Questa volta abbiamo alloggiato al Peninsula Hotel ed e' stata un'esperienza irripetibile, mi ha aperto gli occhi su quello che l'ospitalita' ad altimissimo livello puo' offrire.

Avevo fatto una bella ricerca prima di partire per organizzare al massimo le uscite e lo shopping. Noi apparteniamo al genere di turista pigro...la nostra primaria occupazione e' dove si mangia.
La prima sera siamo andati a mangiare in un ristorante vicino al nostro hotel, eravamo davvero stanchi. Ho deciso di andare sul sicuro, ristorante shainghainese con predominante clientela locale. Wu Kong, si chiama. Abbiamo preso poca roba: una zuppa di prosciutto cinese e melone invernale, kaufu e dei gamberetti secondo una ricetta tipica, piu' un piatto di guotie, giusto per andare sul sicuro col figlio. Il kaufu era davvero buono e anche i piccoli, dopo una reticenza iniziale, hanno mangiato con gusto. Questo e' uno dei miei piatti shainghainesi preferiti, si tratta di glutine scuro, secco, che viene ammollato, poi fritto e fatto stufare con diversi tipi di funghi, salsa di soia e tanto zucchero.

A pranzo, il giorno dopo, volevo una cosa semplice. Ci sono due ristorantini, uno di fronte all'altro, che si contendono il titolo per i migliori noodles e wonton di Hong Kong: Tsim Chai Kee e Mak's Noodles entrambi in Wellington Street. Abbiamo deciso di entrare da Tsim Chai Kee. La zuppa, a parte i noodles, puo' avere a scelta wontons, carne o polpette di pesce. Io ho preso sia i wontons che la carne.



Il brodo era molto gustoso, probabilmente un misto di maiale/pollo anche se sentivo anche forte e chiaro il gusto di gambero. I wontons piuttosto grossetti, ripieni di gamberi e maiale. Il manzo tenero, ma un tenero in negativo per me...penso ad un tipico trattamento cinese per ammorbidire la carne, forse una marinatura con bicarbonato, ma non sono sicura.
In questa zuppa, la cosa fantastica, sono proprio i noodles. Mai mangiati cosi'. Sottili, sottilissimi e molto sodi. Ottimi. Ecco, la cosa che mi e' meno piaciuta era proprio la consistenza della carne.



 Avrei voluto attraversare la strada e andare dal concorrente, ma il marito non era disposto. Notoriamente le porzioni di Mak's Noodles sono molto ridotte e hanno un brodo piu' neutro e piccolissimi wontons. Non avrei neanche disdegnato provare i loro noodles asciutti con uova di gambero. Sara' per la prossima volta a HK.
Proprio di fianco a Mak's Noodles c'e' uno dei negozi di Patchun, famoso per la produzione di salse e condimenti.  Ho preso da loro un po' di pepe di Szechuan, anice stellato, un vasetto di XO sauce
e un vasetto di Chili Radish (daikon con salsa di soia, peperoncino, olio di semi di sesamo, di solito servito come apripasto).

A sera siamo andati da a fare dim sum da Tim Ho Wan famoso per avere una stella michelin ed essere molto abbordabile come prezzi. La location in Mong Kok si e' spostata ad Olympian City.


I bambini erano stanchi e io sono riuscita a fare si' e no due fotografie. Era tutto molto buono, solo i bao, i paninetti al forno ripieni di maile al bbq erano decisamente troppo dolci per i miei gusti.



Abbiamo preso, a parte i panini, dei dumpling al vapore ripieni di gamberi (ottimi), puntine di maiale al vapore con salsa di  fagioli neri, delle polpette di manzo avvolte in fogli di tofu, riso glutinoso avvolto nelle foglie di loto


Unica pecca e' che non c'erano alcolici.

Il mattino dopo l'intenzione era di andare da ChanChikee per comprare una mannaia cinese e qualche altra caccavella di cucina, ma non ce l'ho fatta. Il tempo era cattivo e abbiamo deciso, piu' saggiamente di limitarci al vicino centro commerciale di Harbour City.
Mio marito mi ha dovuto praticamente portar via da City' Super. Sono rimasta totalmente impressionata! Ci ho trovato pure il poulet de Bresse...come pure prodotti giapponesi, koreani, indiani, spagnoli, insomma, un paradiso! Sono uscita solo con un vasetto di yuzukosho, della buccia di Yuzu essiccata e del brodo di scaglie di bonito essiccate.
Abbiamo deciso di pranzare all'interno del centro commerciale, in un tipo di ristorante con una cucina a noi poco conosciuta, quella Chiuchow. Forse per inabilita' nostra di scegliere le cose giuste, non sono riuscita ad apprezzare molto questa cucina. Abbiamo ordinato solo un piatto di stir-fry di manzo (anche qui l'effetto tenero da me poco apprezzato), un pollo in terracotta con verdure, abbastanza buono e un piatto di verdura.

Tutto sommato l'esperienza e' stata positiva. Hong Kong e' decisamente un posto affascinante.







Tsim Chai Kee
Tsim Chai Kee

6 comments:

FrancescaV said...

bellissimo questo giro che ci hai fatto fare ad HK con te Fra, mi fai sognare con questi piatti cinesi. Non vedo l'ora di leggere il seguito :-)

Francesca Spalluto said...

Grazie Francesca! Singapore e' niente in confronto. Ci mettero' un po' a parlare di tutto, ma piano piano ci arrivo...

franci said...

sono in partenza per hong kong il mese prossimo... mi salvo tutti gli indirizzi e proverò, grazie e grazie anche per le ricette asiatiche che posti (ne ho provata qualcuna, anche se con lievi modifiche di ingredienti che a volte non trovo e funzionano sempre alla grande!)
bacio
f

giulia pignatelli said...

bel reportage francesca!

la belle auberge said...

Bentornata, Francesca!

Francesca Spalluto said...

Ma grazie, Franci!

E approfitto per salutare voi, Giulia e Eugenia.